Frame Foto Festival | LIVERANI LAURAAinu Nenoan Ainu
FRAME Foto festival, fotografia, workshop, mostre fotografiche, parma, salsomaggiore terme, laboratorio creativo, bambini, maratona fotografica, self community
2516
single,single-portfolio_page,postid-2516,ajax_fade,page_not_loaded,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

LIVERANI LAURA
Ainu Nenoan Ainu

 .

Premio  Voglino ‘Miglior Portfolio’

.

Japan, 2012-2015

.

Gli Ainu, nativi del nord del Giappone, hanno ottenuto il riconoscimento ufficiale di popolo

etnicamente distinto dai giapponesi solo nel 2008, dopo una storia di oppressione, assimilazione

e discriminazione che ne ha quasi completamente cancellato lingua, religione e cultura.

Ainu Nenoan Ainu (“umano veramente umano”) è un viaggio alla scoperta dell’identità nativa nel

Giappone contemporaneo, e si interroga sull’essere Ainu oggi, sul senso di appartenenza ad una

comunità che sta ricostruendo se stessa dopo la giapponesizzazione forzata. Individui e gruppi in

tutto il paese sono infatti attivamente coinvolti nella preservazione e nella rivitalizzazione della

cultura Ainu, nel recupero della propria lingua e tradizioni e nella riaffermazione dei propri diritti:

questo processo, mai arrestato, si è intensificato negli ultimi anni. Il retaggio sociale e culturale

degli Ainu non solo sopravvive, ma continua a plasmare villaggi e comunità in Hokkaido, loro terra

di origine.

Il progetto riflette sull’autorappresentazione degli Ainu sia entro le istituzioni, quali i musei

etnografici, sia nelle pratiche di vita di tutti i giorni. Le immagini, in gran parte ritratti, sono state

riprese principalmente nel villaggio di Nibutani, Hokkaido, dove la popolazione di origine Ainu

supera il 70%. Ogni ritratto rivela una storia individuale e collettiva: sono storie di attivisti, artisti, e

soprattutto persone comuni, per la maggioranza di discendenza Ainu. Ma c’è anche chi “diventa

Ainu” non per legami di sangue, ma per adozione, partecipando attivamente alla cultura d’elezione.

I bambini di un villaggio Ainu imparano la lingua dei loro progenitori da un insegnante non-Ainu. Un

attivista locale si inventa un personaggio mutuato dall’immaginario manga e partecipa alla

riforestazione della terra sacra dei suoi antenati in costume da supereroe. Una ragazza

transgender non-Ainu impara l’arte dell’antico ricamo dalla madre adottiva, sciamana e attivista

Ainu. Un anziano scopre l’orgoglio nativo dopo una vita passata a negare le sue origini, e si

costruisce un’abitazione tradizionale di paglia intrecciata dove ora vive.

Il progetto fotografico, concepito nel 2009 e iniziato nella sua forma attuale nel 2012, fa parte di un

progetto più ampio di documentario collaborativo del collettivo Lunch Bee House (Laura Liverani,

Neo Sora, Valy Thorsteindottir), tuttora in progress.

.

.

The Ainu, the native people of Japan, were officially recognized as an ethnicity in 2008,

after more than a century of discrimination and oppression

which almost completely effaced their language, society and culture.

Today several individuals and groups across Japan are involved in Ainu rights,

cultural revitalization and diffusion.

This photographic series explores contemporary Ainu identity and culture,

focusing on representation and self-representation of the Ainu,

both within institutions such as museums and outside, in everyday’s life practices.

The work, still in progress, started in 2009 and aims at raising questions

about a culture in the process of changing and redefining itself.

.

 .

BIOGRAFIA

.

Laura Liverani è fotografa e docente universitaria. Vive e lavora tra l’Italia e l’estremo oriente,

soprattutto in Giappone. Svolge diversi progetti fotografici indipendenti e commissionati, spaziando

dalla fotografia documentaristica alle commissioni editoriali e commerciali. Le sue fotografie

circolano in esposizioni, festival e pubblicazioni in Europa e in Asia. Da molti anni è coinvolta in

progetti di insegnamento della fotografia per associazioni culturali, ONG e università,

principalmente in Europa. I suoi progetti più recenti incorporano modalità di produzione nonistituzionali

quali modelli collaborativi e partecipativi, lavorando soprattutto sul linguaggio

fotografico del ritratto vernacolare.

.

.

Laura Liverani is a photographer and lecturer based between East Asia and Europe. She holds an MA in Arts and Media

at the University of Bologna and in Photography at the University of Westminster, London. Laura has been working

internationally on personal projects and a variety of commissions, ranging from editorial to corporate and commercial

assignments. Her work has been featured in magazines, books, catalogues and exhibitions in Asia and Europe. Selected

publications and clients include the Hong Kong Standard Weekend, Next Magazine, South East Asia Globe, the

Guardian, Repubblica, Grazia, Zoom, Whitechapel Gallery. She has also been involved in photography-related

educational projects for arts centres, secondary institutions, NGOs and universities for many years. Throughout 2011 she

was artist in resident in the photography department at Middlesex University, London.

.

.

EDUCATION

.

1999 University of Westminster, MA Degree Photographic Studies, London

1996 University of Bologna, MA Degree in Visual Arts and Media (DAMS), Italy

.

.

ACADEMIC AND EDUCATIONAL

.

2004 – ongoing, Lecturer in Photography, ISIA Design University, Faenza, Italy

2015 (upcoming in February) Visiting lecturer in Photography, National College of Art, Dublin, Ireland

2014 Photography workshop facilitator in Italy, GO Italy Project, Susquehanna University, USA

2014 Visiting lecturer in Photography, Universidade Catolica Portuguesa, Porto, Portugal

2013 Visiting lecturer in Photography, National Academy of Art, Sofia, Bulgaria

2012 Photography workshop facilitator, NGO Mongolian Youth Development Services Center, Ulan Bator, Mongolia

2012 Visiting lecturer in Photography, Moholy Nagy University of Art and Design, Budapest, Hungary

2002- 2006 Photography and art history teacher, Italian Secondary Schools (Istituto Strocchi, Iris Versari, Ballardini)

2001 Photography educator at ESF professional courses, TS2K Training Agency, London

1999 – 2002 Volunteer photography educator for community arts centre, Chats Palace Arts Centre, London

.

.

AWARDS AND RESIDENCIES

.

2015 ‘Premio Voglino’ best portfolio, Frame Foto Festival, Italy

2015 Finalist, Kuala Lumpur Photo Awards, Malaysia

2014 Selected for Singapore International Photography Festival; artist’s participation to the festival and presentation

lecture supported and funded by the Italian Cultural Institute in Singapore

2013 Finalist, Kuala Lumpur Photo Awards, Malaysia

2011 Artist in Residence, Middlesex University, London, UK

2008 Artist in Residence, Culture and Information Centre Karosta, Latvia

2003 Finalist, Bologna Festival delle Arti, Italy

2002 Portfolio Award, Si Fest – Festival Foto Savignano, Italy

.

.

PREMIO VOGLINO “MIGLIOR PORTFOLIO”

.

Il Premio, senza distinzione di età e genere, ha previsto un contributo in denaro di €2500,  di cui una parte è stata investita nel corso del 2016 per sviluppare il progetto fotografico vincitore del premio, la produzione della mostra stampata dal laboratorio BAM di Antonio Manta e una tracolla firmata ‘Figosa’. La mostra verrà inoltre ospitata nella galleria di Sacile in Via Dante, 16 “Immaginario Gallery” per quattro settimane e l’esposizione poi proseguirà nella galleria “Le Declic” diretta da Giancarlo D’Emilio.

.

La seconda edizione del Premio Voglino si inserisce nel ricco programma di mostre ed eventi del VII Festival della Fotografia Etica, che si svolgerà a Lodi dal 8 al 30 ottobre 2016. L’evento, oltre all’alto valore artistico e culturale, sancisce un patto di collaborazione senza precedenti tra due festival di fotografia nazionali.

 

 

www.lauraliverani.com

.

.